I portali esteri di Infobuild
Iscriviti alla newsletter
Riceverai gratuitamente tutte le informazioni sui materiali e le tecnologie più innovative
Sei un progettista, rivenditore o impresa edile? Iscriviti e crea la tua scheda personale!
Approfondimenti > Tecnologia

Pavimento in laminato: cos’è, posa in opera e manutenzione

Scopriamo le caratteristiche di uno dei pavimenti più utilizzati per la sua resistenza ed economicità: il laminato.

Quando si progetta una casa, il pavimento è uno degli elementi su cui porre particolare attenzione: la scelta del giusto materiale, infatti, permette di creare un ambiente d’effetto e ricercato. Desiderate cambiare aspetto alla vostra casa optando per una nuova pavimentazione, ma temete d’incorrere in lunghi lavori di ristrutturazione? Il laminato è una soluzione intelligente per rivestire le superfici senza demolire il precedente pavimento: costi contenuti, posa in opera veloce e tempi ridotti sono alcune delle caratteristiche di questo prodotto.

Vediamo nel dettaglio le caratteristiche del pavimento in laminato e ciò che lo rende unico. Dal punto di vista tecnico, questo pavimento non è un vero e proprio parquet, poiché sul pannello in legno composito viene applicata una stampa che riproduce le venature e le sensazioni tattili tipiche del legno.

Il procedimento utilizzato per realizzare un pavimento in laminato viene detto pressofusione: i pannelli di vari materiali, impregnati di resine melaminiche vengono sottoposti a forte pressione. Il prodotto che risulterà sarà composto da un pannello centrale in fibra di legno, un film protettivo di rivestimento contro l’usura e un foglio decorativo con la trama scelta al di sopra e infine una carta controbilanciante.

Le caratteristiche del pavimento in laminato

Il pavimento in laminato sta prendendo sempre più piede nelle nostre case poiché si tratta di un oggetto resistente, durevole nel tempo e di sicuro effetto grazie alla sua estetica personalizzata. Il laminato è resistente all’usura e agli urti: le pellicole protettive poste sul pannello difendono la fibra di legno centrale evitando che il calpestio la deteriori. Questa tipologia di pavimento è ideale non solo per le abitazioni, ma anche per gli uffici e in generale per tutti i luoghi in cui vi è fitto camminamento.

Nell’immagine è possibile vedere tutti i livelli che compongono un pannello in laminato.

Il pavimento in laminato è inossidabile: applicando questa tipologia di prodotto non correrete il rischio che con il passare degli anni il colore viri e si rovini.

Si può installare sopra una pavimentazione esistente: il laminato può essere applicato facilmente senza dover smantellare la superficie esistente grazie alla tecnica di applicazione flottante. La sua facile posa e la semplicità di manutenzione vi permetteranno di poter disporre in breve tempo del vostro pavimento: questi fattori, uniti alla lavorazione e alla tipologia di materiale, ne fanno un prodotto economico e performante al tempo stesso.

Uno degli svantaggi legati al laminato è la sua scarsa resistenza alle elevate temperature: bastano piccole attenzioni per evitare che il pavimento rovini la sua texture. In secondo luogo si tratta di un prodotto che, una volta rovinato, va sostituito: la sua economicità permette fortunatamente di poter cambiare i pannelli con facilità.

Posa in opera e manutenzione del pavimento in laminato

La posa del pavimento in laminato è davvero molto semplice e si esegue mediante la tecnica flottante e senza il bisogno di collante: i pannelli di legno vanno incastrati tra loro seguendo la combinazione maschio-femmina.

La posa in opera del pavimento in laminato è facile e veloce.

Grazie a questa metodologia è possibile, infatti, applicare il nuovo pavimento al di sopra del precedente: divertitevi a scegliere la texture e il colore che preferite e date libero sfogo alla vostra creatività. Prima di applicare il pavimento ricordate di pulire bene la superficie e di posare il rivestimento di fondo: dopo aver preparato il fondo potrete procedere all’installazione dei listelli, lasciando una distanza di circa 12-15 mm dalle pareti perimetrali per non intralciare la dilatazione dei pannelli di laminato.

La manutenzione di questo tipo di pavimento è davvero minima: evitate di utilizzare grandi quantità d’acqua, ma lavate la superficie con prodotti specifici per laminato e con un panno ben strizzato così da evitare rigonfiamenti nei pannelli.

Commenta questa notizia

PARTNERSHIP

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.OK Informazioni